In un mercato automobilistico sempre più combattuto e che sta virando sempre più verso l’elettrico, il marchio torinese aspira a recitare un ruolo da protagonista. Quali sono le auto elettriche di FIAT sul mercato?

Il brand italiano di Stellantis fino a pochi mesi fa puntava tutto sulle motorizzazioni mild-hybrid, presentando sul mercato un solo veicolo full electric (al netto dei due veicoli commerciali firmati Fiat Professional, l’e-Doblò e l’e-Ulysse): la Fiat 500e, che nel febbraio scorso ha registrato oltre 66.000 immatricolazioni risultando tra le auto più richieste.

Tuttavia, un modello è troppo poco per provare ad essere all’altezza dei colossi stranieri, dunque la casa del gruppo Stellantis ha deciso di approcciare al 2024 con due nuovi modelli seppur diversi tra loro: la Fiat 600e, in commercio dallo scorso settembre, e la Fiat Topolino, che vedremo in strada dal prossimo novembre. Senza dubbio due nomi “storici” per il marchio torinese.

FIAT 600e 

Presentata lo scorso 4 luglio, la 600e riprende il design della 500e ma condivide la base meccanica con le auto “sorelle” del gruppo Stellantis, come la Peugeot 2008 e la Jeep Avenger.

Si tratta di un crossover compatto che garantisce oltre 400 km di autonomia e che di fatto rilancia Fiat nel mercato dell’elettrico: dotata di sensori di prossimità, fari LED, capacità di carico di ben 360L e connettività all’avanguardia, risulta essere anche molto spaziosa all’interno, sia in lunghezza che in altezza.

Il prezzo di listino? 35.950 euro.

FIAT Topolino

Di tutt’altra fattura risulta essere la Fiat Topolino: microcar della stessa famiglia della Citroen Ami e Opel Rocks-e, riprende in alcuni dettagli la mitica utilitaria prodotta dal 1936 al 1955 e in altri la 500 del 1957.

Nonostante le apparenze, la Topolino dispone di un totale di 63L di carico interno. Con un motore elettrico da 6 kW che permette una ricarica completa in meno di 4 ore e un’autonomia di 75 km, può raggiungere una velocità massima di 45 km/h ed è omologato come ciclomotore, per cui è sufficiente avere la patente AM.

Caratteristica anche la versione Dolcevita, in cui le due portiere con apertura antivento scompaiono per far posto a due funi “nautiche”.

Il prezzo senza incentivi si attesta a 9.890 euro, non manca però un piano finanziario dedicato: rate da 39 euro al mese, meno di un abbonamento ai mezzi pubblici!

Cosa aspettarci dal 2024?

Oltre ai lanci ufficiali, ovviamente, non mancano le indiscrezioni e si rincorrono i concept futuri. I nomi storici da poter rilanciare non mancano, e trapelano per il 2024 le iconiche Panda e Punto.

Per quanto riguarda la Panda, il CEO di Fiat Olivier François ha “dato appuntamento” al luglio 2024, quando si potrebbe svelare un nuovo B-SUV elettrico parente della Citroen e-C3 in uscita a breve.

Un concept atteso dal 2019, quando trapelò la Fiat Centoventi, poi accantonata ma ancora presente sul sito fiat.it. 

Per contrastare le concorrenti che hanno preso il suo posto (Dacia su tutte), la nuova Panda potrà attestarsi da listino sotto i 25.000 euro.

Più nebuloso lo scenario della Punto, l’utilitaria più attesa essendo uscita di scena nel 2018 e che ha lasciato un vuoto importante riempito dalle numerose auto provenienti dalla Cina.

I rendering sono numerosi e si pensa che possa essere sulla falsariga delle Peugeot 208 e Opel Corsa. I criteri già certi però sono due: l’autonomia minima di 300 km e un prezzo accessibile, intorno ai 20.000 euro con gli incentivi.

Insomma, le auto elettriche di FIAT puntano a prendersi sempre più spazio sulla scena nazionale ed europea.

You May Also Like
Continua a Leggere

In quanto tempo si ricarica un’auto elettrica?

La domanda più frequente che riceviamo da clienti e appassionati è, ovviamente, quella sui tempi di ricarica: “in quanto tempo posso ricaricare la batteria della mia auto?”. La risposta è più articolata di quanto si possa immaginare.
costi di ricarica auto elettrica
Continua a Leggere

Quanto costa ricaricare un’auto elettrica?

E' la domanda più comune che ci sentiamo fare mentre ricarichiamo le nostre auto, il discrimine principale della scelta d'acquisto, il più semplice metro di paragone con un'auto tradizionale. Quanto costa una ricarica?
Continua a Leggere

Elettrico, ibrido, plug-in: che differenza c’è?

Nelle sempre più frequenti pubblicità in TV, ogni casa automobilistica sembra essere passata all'elettrico. Le sfumature, in realtà, sono tante e importanti. Decifriamole insieme per delle scelte di acquisto consapevoli.